[Test] 2011 Cannondale Scalpel

Cari Amici di MTBiking, la prima cosa che ho notato è stata la guida molto più bassa rispetto a tutte le cannondale provate fino oggi. Come seconda cosa il comportamento della bici è più simile ad una taurine che ad una full come può essere una epic o la vecchia scalpel.
In discesa sullo sconesso, aiuta ma neanche tanto, quando uno molla i freni con le front, la full aiuta solo a non bucare, nel tecnico ripido si sente che il baricentro è un po’ più alto di una front ma compensa il fatto proprio dell’aiuto di un ammo posteriore; per gente che in discesa viene giù normale o lenta sicuramente avere un ammo aiuta di più per mantenere sicurezza, ma come prestazione discesistica non è tanto meglio di una taurine (la flash non la paragono perchè quella da 7.8 provata in discesa non ci pensa neanche a stare stabile sullo sconesso).

Impressionante invece nella nuova scalpel la rigidità della scatola del mov centrale, in piedi con ammo impostato sul propedal più duro, sembra una front, veramente impressionante alzarsi sui pedali e scattare via, ci si accorge di più quasi quando si è seduti e si va di passo.

Nei tratti smossi in salita è una meraviglia, come un gatto delle nevi su una pista da sci… sale.

Mi ha favorevolmente impressionato proprio per la leggerezza del mezzo (che cmq portata ai 9kg deve diventare ancora più performante) e la versatilità dal passare per una front nei tratti da front e da full nei tratti pedalati sconessi.

La trovo un ottimo mezzo da gara, la consiglierei a tutti quelli che vogliono passare dalla front ad una full pur mantenedo i pregi di una e dell’altra.

La sconsiglierei vivamente a chi cerca una vera full,non è una anthem, una epic o una spark, il carro è rigido e l’escursione ridotta a 80, aiuta poco in discesa aiuta di più sullo smosso pedalato.

Scritto da RIEL di MTB Forum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.