Alle Regioni 12,3 milioni per le ciclabili

Sono stati ripartiti i 12,34 milioni di euro dal MIT destinati al cofinanziamento di interventi per lo sviluppo e la messa in sicurezza di itinerari e percorsi ciclabili e pedonali nelle aree urbane e delle ciclovie turistiche. Lo schema di decreto del Ministro Graziano Delrio per il riparto delle risorse tra le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano ha avuto infatti il parere favorevole della Conferenza Unificata.

Le risorse del Ministero verranno stanziate in tre anni: 9,89 mln per l’esercizio finanziario 2016, 1,23 mln per il 2017 e 1,22 mln per il 2018.

Per il piano di riparto sono stati considerati il livello di incidentalità che coinvolge ciclisti e pedoni e gli interventi prioritari a favore della sicurezza di tali categorie in particolare nelle aree urbane. Le risorse distribuite sono espressamente dedicate ad interventi per il miglioramento della sicurezza stradale da individuare sulla base di analisi dell’incidentalità specifica, dei fattori di rischio e dell’efficacia delle soluzioni proposte.

Il decreto sarà ora sottoposto alla Corte dei Conti.

I programmi di intervento saranno definiti dalle Regioni e la loro attuazione sarà regolamentata da apposite convenzioni tra il Mit e le Regioni.

Il totale delle risorse, pari a € 12.348.426 euro, è stato ripartito come segue:

Piemonte 796.364,20 euro

Valle d’Aosta 169.417,87 euro

Lombardia 1.942.672,04 euro

P.A. Bolzano 251.090,70 euro

P.A. Trento 225.749,03 euro

Veneto 1.036.746,66 euro

Friuli-Venezia Giulia 379.197,18 euro

Liguria 500.165,68 euro

Emilia-Romagna 1.281.571,97 euro

Toscana 1.033.950,34 euro

Umbria 276.229,99 euro

Marche 422.659,74 euro

Lazio 1.080.972,70 euro

Abruzzo 298.480,99 euro

Molise 173.391,60 euro

Campania 601.164,41 euro

Puglia 525.056,62 euro

Basilicata 191.236,55 euro

Calabria 272.477,05 euro

Sicilia 576.181,48 euro

Sardegna 313.649,20 euro

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento