[Breve recensione] Specialized Stump Jumper 2019

Abbiamo avuto modo di provare in Svezia la nuova Stumpjumper Comp Carbon da 29 pollici, per una settimana ed adesso vi diamo una nostra impressione. Iniziamo con lo scrivere che di questa bici vi sono tre diversi modelli (29 “e 27,5”). Da un lato la versione standard, che abbiamo testato, con 150/140 millimetri in 29 “e 150/150 millimetri 27.5”, poi ci sarà anche un modello “ST” che ottiene 130/120 millimetri in 29 “e 130/130 millimetri in 27 , 5 “, in sostituzione del precedente modello Camber. Successivamente arriverà una variazione “Evo” con una maggiore estensione e angoli più piatti per correre ancora più duramente.

Specialized ha focalizzato l’attenzione sul rendere il telaio più rigido. Il nuovo leveraggio dovrebbe funzionare meglio con gli ammortizzatori a molla, ma sarà anche più facile ottenere una buona regolazione su un attenuatore d’aria. Per coloro che amano lo ramfacket speciale nel tubo, ora è più grande del 20%, senza diminuire la rigidità del tubo.

Specialized ha anche reso più semplice il cablaggio di cavi e tubi nella resistenza interna. Ad esempio, è possibile alimentare il tubo del freno posteriore nel telaio del cannotto dello sterzo e quindi osservare attentamente quando esce sul retro del freno.

Specialized ha anche scelto di eliminare molte delle cose che erano precedentemente specifiche per le loro bici.

Il problema è che nel mercato con il montaggio che propone Specialized vi sono bici meno costose e meglio montate, ma gli aficionados del marchio comprano queste bici anche se con montaggi scarsi (Opinione).

Comunque la nuova versione è lunga 24 mm (nella taglia M), utilizza una potenza di 50 mm, rispetto ai 60 mm che utilizzavano la versione precedente e il manubrio è ora più ampio, raggiungendo i 790 mm,.

Il forcellone è stato ridisegnato con la conseguente riduzione di peso, come dichiarato, di 100 grammi, oltre ad un aumento della rigidità dell’8%. Questa riduzione di peso non riguarda solo le versioni in carbonio, ma anche quelle in alluminio, che avranno un risparmio di peso di circa 550 grammi.

Il sistema di sospensione continua ad essere l’FSR, ma sono state apportate alcune modifiche. Il sistema Autosag scompare e Specialized opta per sistemi più semplici grazie ai nuovi ammortizzatori Fox EVOL e Rockshox DebonAir, con regolazioni specifiche. La curva di sospensione è ora un po ‘meno progressiva nella ricerca di una risposta più fluida nella prima parte del percorso e un maggiore supporto nella parte centrale, una configurazione più vicina al comportamento di un ammortizzatore a molla.

La Stumpjumper 2019 sarà con un nuovo reggisella telescopico con 160mm di escursione (diametro 34,9 millimetri), migliorando il sistema di memorizzazione SWAT. Il tasto multitool che era stato precedentemente integrato nel telaio, ora è in cima allo sterzo.

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento