Cannondale FS-i 2017, cosa cambia con il modello 2016

La Cannondale ha presentato la FSi del 2017. Vediamo insieme cosa cambia rispetto alla versione 2016. Prima di tutto le colorazioni, con accostamenti di colori discutibili, dall’arancione psichedelico ad un giallo/verde parecchio acceso con la carbon 2 che è il top del colore misto; comunque a parte le colorazioni del telaio che possono più o meno piacere, vediamo le altre novità.

La versione Black Inc e la Carbon 1 hanno l’elettronico Shimano XTR con 11 velocità, con il monocorona. La team ha un Shimano SRAM XX1 Eagle – 12 velocità. La versione Black Inc e la Carbon 1, montano copertoni più larghi da 2.25”. La Black Inc e la Carbon 2 hanno di serie il manubrio da 760mm, mentre le altre versioni è di serie il 700mm.
La F-Si 2 e 3 in alluminio, costano 100 euro in meno.

Per quanto concerne le Lefty, quelle del 2016 hanno, tutte, il problema della molla. Quindi chi riceve la bici in questo 2016 è probabile che dovrà andare dal meccanico per far cambiare le molle.

Attenzione: i tempi di riconsegna della Lefty con le nuove molle può avere tempi lunghi. Si parla di 30/60 giorni a secondo dove viene spedita la forcella. Pensare che questa sostituzione avviene, secondo esperti meccanici di bici, in 2/3 ore, quindi tirabaralla se ci vuole 7 giorni, tra spedire/fare sostituzione/rispedire…ma è eccessivo che, in Italia, si sfori i 60 giorni…

Peraltro la Cannondale aveva riferito in una conferenza stampa, che avrebbe montato sulle bici 2017 la nuova Lefty, ma noi abbiamo provato la nuova versione Scalpel SI e la Lefty è quella del 2016.

Ma non solo. Di tre bici Cannondale testate, tutte hanno il problema alla Lefty: Habit, FSI, Scalpel SI.

In qualsiasi caso, prima di comprare la bici fatevi dire dal negoziante se la lefty che monta è quella nuova 2017, ma non incaxxatevi con lui, è vittima del meccanismo commerciale delle aziende che decidono chi, cosa, quando, come e perché. Chi ci rimette poi sono i negozianti che devono sorbire le incaxxature dei loro clienti, ed i consumatori che, ovviamente, dopo aver speso svariati euri si ritrovano una forcella che non va bene e la bici che rimane ferma anche 60 giorni!

Fonte

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.