Ciclismo agonistico e cicloturismo slow, analisi sul settore

I Campionati del Mondo su Strada (UCI Road World Championship Melbourne 2010) si sono svolti a Melbourne e lungo la Great Ocean Road (Australia).

Nel 2010 furono stimati oltre 300.000 spettatori ed una quota superiore a 400 milioni di appassionati furono quelli che seguirono le gare della propria nazionale via TV o Internet.

La SportAccord Convention ha eletto Melbourne a “World’s Ultimate Sports City”, titolo biennale già vinto dalla città australiana nel 2006 e nel 2008. Gli appassionati di ciclismo in Europa sono oggi stimati in 300 milioni; i tedeschi sono i più pedalatori ed a seguire gli Olandesi ed i Danesi. Gli inglesi hanno modificato il codice della strada e Londra ha raddoppiato le due ruote; Parigi è invasa da 20 mila biciclette pubbliche.

I praticanti del cicloturismo stanno crescendo in Europa di anno in anno, in particolare modo nei paesi europei della Germania, Svizzera, Olanda, Danimarca e Austria dove ad esempio il 30% dei turisti in visita è costituito da cicloturisti. Di fatto i turisti tedeschi hanno effettuato in un anno 32.000.000 di viaggi per motivi sportivi (55% dei viaggi totali), mentre gli olandesi ne hanno effettuati 7.000.000 (52%). Il terzo mercato europeo è rappresentato da quello francese che fa registrare un numero più basso, ma comunque considerevole di viaggi con motivazione sportiva: 3.500.000, pari al 23% dei viaggi totali.

Il cicloturismo, come tutti i fenomeni contemporanei, esige qualità, servizi, infrastrutture e non può essere lasciato al caso. Non bastano pubblicazioni, seppur lodevoli, guide editoriali che tracciano i percorsi e diano indicazioni.

In alcune regioni siamo lontani dal successo riscosso dal tratto dell’Alta Pusteria che da Dobbiaco va in Austria lungo una pista ciclabile che si snoda tra i boschi, lontano dalle strade veicolari, collegata ai piccoli centri del Tirolo che vengono attraversati, dotata di punti di sosta e di ristoro, utili spazi per eventuali riparazioni e non da ultimo, è servita anche dal treno che garantisce il trasporto delle biciclette.

Si ringrano le varie fonti istituzionali, associative, professionali, le quali hanno collaborato alla nostra stesura di quanto sopra.

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento