[ToscanaCicloturismo] Località particolari: Omomorto (Provincia di Arezzo)

La localita’ Omomorto, in Casentino, Comune di Pratovecchio, situata sulla Strada Regionale della Consuma, esattamente al km. 22, ha questa identificazione da un fatto storico avvenuto nel 1281 e che prende origine dal castello di Romena. Ai tempi del conte Alessandro e di Guido Pace ebbe dimora nel castello Mastro Adamo da Brescia, contraffattore espertissimo, che i conti avevano istigato a falsificare i fiorini d’oro di Firenze. Questo famoso episodio e’ narrato da Dante nella Divina Commedia, Inferno canto XXX.

Scoperta la sua truffa, Mastro Adamo fuggi’ da Firenze in direzione di Romena per ripararsi nel castello, ma i suoi inseguitori lo raggiunsero poco sotto la Consuma ed eseguirono la sua condanna a morte bruciandolo vivo.

Da allora in poi chi transitava per la mulattiera dove era morto Mastro Adamo, per un gesto di pieta’ o solo per superstizione, gettava un sasso proprio nel punto dove giaceva il corpo del falsario. Li’ si formo’ un cumulo di pietre, chiamato in dialetto toscano Macia, appunto la Macia dell’Omo Morto.

Chi oggi arrivava in zona, scorgeva un anonimo cartello stradale, ora abbiamo svelato la storia.

Fonte

Photo courtesy by author

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento