Circuito Toscano di Cicloturismo Anno Domini 2008

Nello splendido e beneaugurante contesto del velodromo delle Cascine a Firenze, è stato definitivamente varato, in data 8 gennaio 08, il “Circuito Toscano di Cicloturismo”, valido come Campionato Regionale UISP per Società. Si articola su sei prove, tutte rigidamente non competitive, e ricalca spirito e canoni dell’ormai celebre “Circuito Romagnolo”. L’esperienza formidabile di Lugo e dintorni è stata il riferimento delle società toscane che si sono ritrovate per promuovere questa challenge.

La diversità, e non da poco, è il contesto in cui viene proposto il nuovo circuito; la Toscana cicloamatoriale, infatti, è cosa ben diversa dalla Romagna, che generalmente interpreta la bici in modo meno “corsaiolo” ed ha una tradizione cicloturistica formidabile, oltre ai grandi numeri.

La scommessa toscana, appoggiata dalla Lega UISP Nazionale e Regionale, è un investimento in promozione per le tante fasce di tesserati che non sono più in grado di reggere i ritmi delle usuali Granfondo, sempre di più esercizi iperspecializzati per cicloamatori preparati e competitivi (e in Toscana più che altrove); praticanti che non trovano quasi più occasioni di partecipazione a manifestazioni organizzate.

L’impegno del nascente circuito è rivolto anche al contenimento dei costi: ognuna di queste prove ha fissato l’iscrizione a 7 euro e l’abbonamento a tutte le 6 costerà 35 euro, con un bel risparmio in tempo e denaro e con il diritto ad una targa-gadget.

Le modalità, come si è detto, sono quelle consolidate: partenza “alla francese”, con timbro ai controlli-ristori e classifica per le società sulla base dei punteggi acquisiti dagli arrivati. Sono, infatti, previsti 4 percorsi per ogni prova, con 1, 2, 3 e 5 punti assegnati ad ogni singolo partecipante sulla base della progressiva lunghezza coperta.

Alla fine pasta-party per tutti e premiazione delle prime 15 società.

L’UISP nazionale, inoltre, ha voluto che il calendario dei due Circuiti non avesse coincidenze, ed assegnerà alla Società prima classificata, al meglio delle 11 prove, il titolo di Campione d’Italia.

Questo circuito toscano, comunque, nasce da genitori “nobili”; la “Chianti Classic” di Gaiole in Chianti (che si sposta in data 22 giugno proprio per evitare la coincidenza con l’ultima di Romagna), la “Maremma”, il “Città di Montecatini” in occasione del “My Bike”, il “Giro dei Due (che diventano 3) Bacini” organizzato dalla “Viaccia”, sono nomi già ben noti dell’ex panorama granfondistico. Torna, poi, il “Giro della Toscana”, antesignano toscano del cicloturismo che Enzo Scarselli riproporrà assieme al “Bicisporteam”, con partenza ed arrivo proprio nel glorioso Velodromo delle Cascine; unica nuova nata la “Montagna Pistoiese, un’escursione estiva sulle cime più alte fra Toscana ed Emilia, con partenza ed arrivo a Quarrata e la cura della “Sangiorgese”.

Le società, come si vede, hanno basi solidissime, oltre a tradizioni importanti: “Bicisporteam Firenze” e la “Ciclistica Viaccia”, ad esempio, sono già state campioni d’Italia UISP nel settore.

Le date:
1 giugno “Giro dei 3 Bacini”, Prato,
15 Giugno “Città di Montecatini Terme”,
22 Giugno “Chianti Classic”, Gaiole in Chianti,
20 luglio “Montagna Pistoiese” a Quarrata,
7 settembre “Giro della Toscana” a Firenze,
14 settembre conclusione con la “Maremma” a Scarlino.

Fonte Petrella

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento