Firenze – Cenacolo del Fuligno. Aperture straordinarie

Il Cenacolo del Fuligno aprirà in via straordinaria ogni martedì dalle 8.30 alle 12.30 a partire dal 17 luglio fino al 25 settembre 2018. Undici appuntamenti che permetteranno a turisti e cittadini di riavvicinarsi a uno dei luoghi poco conosciuti della città di Firenze. Tutte le aperture avverranno grazie alla collaborazione dei volontari degli Amici dei Musei che affiancheranno il personale del Polo museale della Toscana e saranno come di consueto gratuite.

Il Cenacolo fondato all’inizio del Trecento e poi ristrutturato intorno al 1430 era il refettorio monumentale del convento delle terziarie francescane della Beata Angelina da Foligno.

Ornato da un affresco del Quattrocento raffigurante l’Ultima Cena che reca sullo sfondo l’Orazione di Cristo nell’Orto, attribuito a Pietro Perugino, fu destinato a museo fin dal XIX secolo. Nel 1855 vi fu aperto il Museo Egizio, il 12 marzo 1871 il Museo Etrusco, nel 1894 la collezione Feroni. Dopo l’alluvione del 1966 è stato deposito delle opere d’arte danneggiate e quindi riaperto nel 1990, riunendo nella sala principale anche affreschi di Bicci di Lorenzo (1430 circa) provenienti da altri locali dell’antico convento di Fuligno e un Crocifisso ligneo di Benedetto da Maiano, ormai ricollocati nell’adiacente ex convento.

Attualmente ospita, oltre all’Assunzione della Vergine di Valerio Marucelli, un tempo sull’altar maggiore della chiesa di Sant’Onofrio, la Crocifissione e dipinti quattro-cinquecenteschi, testimonianza della diffusione del peruginismo in Toscana e in Italia.

Polo Museale della Toscana
Lungarno Anna Maria Luisa de’ Medici n. 4
50122- FIRENZE – Tel. 05527189759/833

NOTE
Come arrivare al Cenacolo del Fuligno

Aereo: Dall’aeroporto Amerigo Vespucci, con l’autobus navetta VOLA IN BUS fino alla Stazione di Santa Maria Novella.
Automobile: Parcheggio della Stazione di Santa Maria Novella.
Treno: Stazione di Santa Maria Novella
Percorso pedonale: Dalla stazione circa 5 minuti, attraverso il centro storico della città.

Accessibilità disabili: Due scalini all’entrata rendono difficile l’accesso alle persone disabili.

Lascia un commento