[Firenze in Bici] Arte e Cultura: Codice Rustici

Il Codice Rustici prende il suo nome dal suo scrittore Marco di Bartolomeo Rustici. Il titolo esatto del manoscritto è Dimostrazione dell’andata del Santo Sepolcro. Il volume ha una rilegatura in pergamena e il piatto anteriore e posteriore misura cm. 41,8 x 28,6. È conservato nel Seminario Arcivescovile Maggiore di Cestello a Firenze, dove fu portato dal rettore monsignor Antonio dell’Ogna nel 1813.

Diverse sono le ipotesi di datazione del Codice e del viaggio in Terrasanta dell’autore. Gli anni proposti da diversi studiosi sono stati il 1425, il 1433, il 1441-1442, dopo il 1444, 1448-1450.

La Dimostrazione si divide in tre parti. Il primo libro è formato da 169 capitoli e 80 carte (1r-80r). Tratta di Firenze e del suo territorio. La descrizione delle chiese, monasteri, ospedali dentro la cerchia delle mura si trova dalle carte 6v e 79r; quelli fuori di Firenze da 79r a 80r.

Il secondo libro consta di 63 capitoli di 82 carte (80v-161v). Parla del viaggio da Firenze a Porto Pisano e Genova, lungo la penisola italiana, le coste della Grecia, nel mar Egeo e a Cipro. Marco Rustici è in compagnia di Maestro Leale dei Servi di Maria della Santissima Annunziata di Firenze e di Antonio di Bartolomeo dei Ridolfi sempre di Firenze.

Fonte: Wikipedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.