[Girodellatoscana.it] Per diritto di cronaca e dovere di correttezza nei rispettivi interessati

Il sito web ufficiale del Giro Cicloturistico della Toscana è www.girodellatoscana.it, questo sino al 14 Aprile 2018, data in cui uno degli organizzatori dell’evento sportivo ha dichiarato sul suo profilo facebook, peraltro pubblico, quindi visibile a tutti, quanto sotto riportiamo: 

L’Annuncio pubblicato da uno degli organizzatori nella sua bacheca, la quale risulta visibile a tutti.

Si evince, da quanto sopra, che tale evento sportivo adesso è visibile nel bicisport.it .

La reazione di chi conosce i retroscena dei fatti realmente accaduti è stata immediata, comunicando che tale persona (organizzatore eevento sportivo, gestore del sito web bicisport.it) aveva ricevuto apposito account per aggiornare il sito web ufficiale del girodellatoscana.it

Il dato di fatto, riscontrabile da tutti, è che lo sdoppiamento dei contenuti, in altro sito web è in palese contrasto al sito web ufficiale del giro della toscana, voluto peraltro dagli stessi organizzatori anni addietro. Quindi non si comprende il motivo per il quale traslare il tutto altrove.

Peraltro, sempre comunicato dalle stesse fonti, non c’è un documento mail da parte di alcuno degli organizzatori del giro della toscana, né da chi gestisce il sito web del negozio bicisport Firenze. Quindi si potrebbe palesare anche un danno di reputazione ai gestori del sito web girodellatoscana.it ?

La situazione, vista dall’esterno e da chi non conosce l’intera vicenda, è enigmatica, esistendo anche un diverbio avvenuto in negozio tra uno dei contitolari ed il professionista che si occupa attualmente di gestire il sito web girodellatoscana.it , in merito a comportamenti ed altro, ove, in presenza di testimoni, il contitolare del negozio avrebbe ingiuriato tale professionista.

Noi di Ridersbike, per dovere di cronaca nei rispettivi interessati, atleti del team Bicisport, ciclisti di altre squadre, partner, sponsor, volontari e quanti altri, per quanto sappiamo, cerchiamo nel dipanare i dubbi probabilmente sulle mezze verità riferite e/o scritte.

Fonte riservata

Nota
Per qualsiasi controversia sulle informazioni che consultate sopra, la nostra testata giornalistica si avvale del consulente legale, Avv. Simone Valenti – Firenze.


Il Giro Cicloturistico della Toscana diventa un Magazine, dedicandolo al fondatore Enzo Scarselli. 

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

6 thoughts on “[Girodellatoscana.it] Per diritto di cronaca e dovere di correttezza nei rispettivi interessati

  1. Gestita male tutta questa vicenda. I professionisti li metti al tavolino e discuti con loro strategie di comunicazione per trovare soluzioni più adeguate. Qui siamo all’assurdo neanche una mail ai professionisti; fatto tutto di nascosto, forse con la complicità del webmaster del loro sito web? Mi auguro che tale professionista non sia scivolato su questa buccia di banana!

  2. La vedo così da ciclista che conosceva Enzo Scarselli: un danno alla sua memoria da parte del Vicepresidente del team Bicisport.

  3. Secondo me gli sponsor dovrebbero andarsene definitivamente dal girodellatoscana in quanto danneggia la loro immagine, abbinandola ad una incapacità degli organizzatori nel non sapere gestire le situazioni professionali in modo corretto e rispettoso verso chi lavora a beneficio dell’evento sportivo.

  4. c’è poco da aggiungere altro è palese che il doppiaggio dei contenuti nel sito del bicisport.it è voluto per danneggiare la reputazione di chi gestisce il sito web del girodellatoscana.it

  5. …se mi posso permettere un commento fuori dalle righe, a me sembra abbastanza puerile far queste cose…creando confusione a danno di chi lavora nel girodellatoscana.it che, attualmente è anche meglio di prima con notizie interessanti.

  6. il danno di reputazione è anche sugli sponsor visto che l’organizzatore o gli organizzatori non sono capaci nel rapportarsi con i professionisti dai quali, peraltro, da anni ricevono benefici ed anche consistenti, basta girare su internet per avere un riscontro sui risultati.

Comments are closed.