[Inchiesta] Le terre di Siena in bici: situazione attuale

Le numerose lamentele pervenuteci da ciclisti in prevalenza stranieri, hanno dato il via a questa inchiesta giornalistica sulle terre di Siena. Partiamo dal circuito de L’Eroica, olte 200 km di sentieri sterrati adatti a bici con copertoni tassellati, piuttosto che lisci.

Abbiamo svolto le tappe una ad una, cercando di capire la situazione. Certamente se qualcuno pensa di essere nel Trentino o in America, con il bike park attrezzato, allora ha sbagliato uscio, come si dice in Toscana.

Le Terre di Siena in bici sono tutt’altra cosa. Vanno prese con piglio avventuroso…un pizzico di sano eroismo, condito con entusiasmo ed emozioni varie. Il paesaggio ripagherà della fatica…non poca…su quei saliscendi spacca gambe…anche su sterrato, ove spingi la bici per non ruzzolare per terra (bici ibrida, copertoni da 30).

Il percorso de L’Eroica inizia dal Comune di Gaiole in Chianti, tocca dodici Comuni della Provincia di Siena: Asciano, Buonconvento, Castelnuovo B.ga, Gaiole in Chianti, Montalcino, Monteroni d’Arbia, Murlo, Pienza, Radda in Chianti, S. Giovanni d’Asso, S. Quirico d’Orcia, e Siena.

L’Eroica, un itinerario permanente, segnalato sul territorio, prevede quattro percorsi denominati: lungo, di 205 km (di cui 110 Km su strada bianca), medio, di 135 km (70 Km bianca), corto, di 75 km (35 Km bianca), e cicloturistico, di 38 km (10 Km bianca).

Durante le nostre girate in bici, sugli sterrati delle terre di Siena, abbiamo incontrato anche dei veri e propri eroici, muniti di bici attrezzate con bagaglio anteriore e posteriore…ciabatte infradito, magliettina e pantaloncino corto (Primavera/Estate/Autunno)…La nostra domanda, a questi viandanti in bici, era se avessero smarrito la via, ma no…imperterriti volevano transitare da quel sterrato per raggiungere la meta ed andare oltre…fermandosi in posti x e montando la tenda, piuttosto che dormire su un comodo giaciglio di un agriturismo. L’Eroica è anche questo, l’avventura di godersela all’aria aperta…cinghiali, cani e altro permettendo…ma l’avventuriero in bici mette in conto anche questo! Tutto è calcolato…o quasi!

E poi abbiamo più volte incontrato guide in mtb che non sapevano un acca di inglese, ma si trascinavano orde di fanciulle vestite del nulla, sotto il sole cocente…in luglio come agosto…disperati…alla ricerca di una fontana di acqua…

Con la mia compagnia di cavalieri erranti, in mtb e ibride, avevamo preso L’eroica di petto…pensavamo di poterla domare e far quei 200 km in un solo giorno….ma…i primi a cadere, se pur giovani e baldi, quelli in mtb (29)…davano forfait dopo 70 km. Strano davvero, visto che gli sterrati si dovrebbero bere come un bicchiere d’acqua con quelle ruotone da 29.

Rimanevano un gruppetto sparuto ben intenzionato a finire almeno una parte del percorso. Invece, partiti all’alba…ritornammo felici, stanchi, ma appagati, di aver concluso in un giorno solo quei 200 km di sterrati ed ovviamente bitume!

Eravamo eroi anche noi, anche se non ci interessavano coppe, lustrini, sorrisi e pacche sulle spalle, non ci interessava la coscia del prosciutto o la forma di formaggio. La nostra vittoria era in noi stessi: Avevamo domato la mente!

La prima cosa che abbiamo notato però è la mancanza di fontane d’acqua. E senza di essa…arrivano i crampi! Bisogna segnarsi i punti di ristoro ‘commerciale’ o case rurali di buone anime che, cortesemente, vedendo i viandanti in bici, in modo caritatevole ti offrono acqua fresca…a volte, limonata…gratis… si perché, di questi tempi, il gratis è morto! L’acqua della fontana di casa ha anch’essa un costo: 1 euro a bottiglia di 750cc! Cosa fare per evitare di farsi ciucciare soldi da falsi altruisti toscani ? Montare due portaborracce, per chi ha bici ibride. Per la mtb tocca portarsi la sacca idrica…ma con il caldo…

Più di un amico e conoscente, nella nostra compagnia di bikers erranti, alla ricerca del Santo Gral in quel de l’Eroica, si è chiesto chi è colui o coloro che si sono inventati questi eroici 200 km. Noi di ridersbike.net lo sappiamo, ma in questo articolo non lo ricorderemo, in quanto l’obiettivo è quello di raccontare il vissuto su questi itinerari e capire la situazione attuale, per poi verificare se le lamentele di questi stranieri, ma anche italiani, sono realmente un fatto da riportare e raccontare.

Oltre ai sentieri dell’Eroica abbiamo trovato ‘Trekking dei Castelli’…160 Km che si possono fare a piedi, cavallo ed in mtb. Ci siamo chiesti a cosa servono tutti questi sentieri sterrati, visto che già l’Eroica è sufficiente per divertirsi e godere del paesaggio. Ma si sa…quando c’è l’odore del business…si sfrutta al massimo quanto c’è, forse non curanti però che i ciclisti non sono mucche stupide da mungere. Bisogna dare concretezze…imparare dall’estero, ad iniziare dai bike Parke americani!

….continua….

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento