Italia, Le accademie della bici; specchietto per allodole o servizi utili?

La nostra indagine giornalistica è iniziata nel 2011 su indicazione di alcuni bikers, in prevalenza coloro che svolgono attività in mtb (Mountain Bike). In Italia vi sono diverse scuole accademiche, così si definiscono, le quali forniscono, chi più o chi meno, dei servizi. Di cosa stiamo parlando ? Dunque prima di tutto per servizi troviamo uno o due maestri, una o più guide di mtb, una o più piste ove fare il od i corsi, ed una serie di altri servizi collaterali, quali ad esempio le convenzioni per il pernottamento, il noleggio della bicicletta a secondo del grado di preparazione del biker, ed altro. La nostra redazione, grazie a biker locali, ha testato direttamente alcune Bike Academy nel Nord, ove proliferano come funghi, grazie al supporto benefico di soldi a pioggia dei rispettivi enti e istituzioni regionali.

A parte la ineducazione di alcuni di questi gestori del Bike Academy, ove la risposta alla richiesta di informazioni non arriva neanche entro 48 ore, c’è poi la maleducazione di chi ti risponde un pò stizzito (per non essere scurrili come loro) se cerchi di fare domande più specifiche. D’altronde cercavamo di capire ed anche aiutare questi soggetti, poiché se i servizi elencati non avevano tutti i costi pubblicati bisognva avere spiegazioni.

In Italia, salvo il contrario, non esiste una legge che regolamenta questi bike park o bike academy; spieghiamoci meglio. Esiste una copertura assicurativa e, quindi, bisogna fare attenzione anche se ognuno di essi si fregia beatamente di “certificazione” o “riconoscimento” di tal o tal altro ente istituzionale e locale.

Chi ha frequentato queste strutture ha trovato in alcuni preparazione, ma in altri il classico specchietto per le  allodole poiché alla fine si tratta di commerciare il turismo locale abbinandolo al ciclismo. Ed ecco quindi il tal ciclista ex professionista che vi accompagna su strada od in mtb alla scoperta di luoghi e, guarda caso, anche di aziende del settore enogastronomico, con assaggini e poi invito all’acquisto. Ok, niente di male nel fare il procacciatore di affari ? Bhe, la legge lo vieta…informateVi.

Sappiamo perfettamente che un ciclista sportivo non beve vino né altri alimenti che cozzano fra di loro; necessita di una alimentazione specifica. A chi si rivolgono queste strutture di accademia della bici ? A coloro che non svolgono attività sportiva e agonistica, infatti parlando con alcuni gestori si evidenza il fatto che l’obiettivo è “far star bene l’ospite”, ma la differenza è il “come”.

Per tutti vale la regola del sapere più di quello che viene riferito, cioè fate domande anche scomode o apparentemente inutili, ma fatele ugualmente, ad iniziare da chi è la compagnia di assicurazione e quanto copre la struttura ed ogni singolo partecipante; poi qualunque cosa ritenete enigmatica, quindi vissuta sulla propria pelle, documentatela con foto  o video, ed utilizzate i social net ed in particolar modo i forum (esteri/italiani) più noti per comunicare ad altri la vostra esperienza.

Infine…anche se il vostro accompagnatore è un noto ex ciclista professionista, ricordate che non ci si inventa “guida” poiché essa è rigorosamente certificata con regole ben precise. Attenzione alle associazioni nate per fare cicloturismo e che hanno anche guide, secondo loro, certificate anche ad essere dei maestri.

Poi ci sono associazioni che nascono per il ciclopedonale e si sono inventati di essere esperte anche nel ciclismo agonistico: ognuno dovrebbe avere l’umiltà di fare ciò che è esperto e non invadere settori ove altri esistono da tempo, ma si sa…siamo in Italia e, quindi, regione che vai colore politico che trovi, c’è sempre qualche associazione che viene caldeggiata più di altre.

Lo ripetiamo da molti anni: la categoria della guida (Ambientale o Turistica o altra definizione) è un LAVORO, quindi chi lo svolge lo fa per campare non per divertimento o per far piacere al politico di turno… Per quelli che hanno la voglia di trascorrere qualche ora con il campione ciclistico dei sogni, ricordate che se prevarica la personale sicurezza, non lamentatevi se poi ci sono problemi anche di natura legale e giuridica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.