Italia, Treno + bici: il vademecum

Come viaggiare comodamente in treno portando con sé la propria bicicletta ? Un vademecum di una nota società delle ferrovie ce lo spiega. Leggiamo uno stralcio del testo. Come al solito la collaborazione per la realizzazione di questa guida, guarda il caso, è con un’associazione ormai ben nota. Saltando la premessa, parliamo delle opportunità offerte a chi vuole viaggiare in treno senza rinunciare ad avere con sé la propria bici, vuole facilitare l’utilizzo del servizio, evitando magari tutti quegli inconvenienti che possono derivare da una non precisa informazione.Non tutte le soluzioni di trasporto sono identiche e non tutti i treni sono uguali. Per favorire il cicloamatore nella scelta del tipo di trasporto ferroviario a cui affidare la propria bici, può essere utile andare nel dettaglio delle singole soluzioni. La normativa prevede che la bicicletta parzialmente smontata e collocata nella sacca “porta bici” (max cm 80 x cm 110 x cm 40) possa essere trasportata gratuitamente su tutti i treni, (nei quali va riposta nei vani ubicati nei vestiboli) e le vetture Letto e Cuccette.
Una buona sacca può essere acquistata nei negozi di biciclette, ma può anche essere fabbricata in casa con poca spesa, utilizzando del materiale più leggero, in modo da avere una custodia che, una volta ripiegata, possa essere trasportata più agevolmente sulla bici.
ATTENZIONE: Il trasporto della bici montata non è consentito sui treni di lungo percorso (Eurostar AV, Eurostar, Nuovo Pendolino,
Pendolino, ICPlus, IC).

Per quanto concerne le tariffe occorre distinguere fra treni Regionali, Diretti, Interregionali e treni internazionali.

Sui treni Regionali, Diretti, Interregionali, il viaggiatore può scegliere di trasportare la propria bicicletta acquistando il supplemento da 3,5 euro con validità di 24 ore a partire dalla convalida, che consente di compiere più percorsi in tale arco temporale; oppure, in alternativa a quest’ultimo, se il viaggio è breve si può acquistare un biglietto a tariffa intera di seconda classe con la stessa percorrenza di quello utilizzato dal viaggiatore. Sui treni internazionali la tariffa per il trasporto bici è di 5 euro per il tratto nazionale (e comprende anche il viaggio antecedente e susseguente su treni Regionali, Diretti ed Interregionali) e di 10 euro se si prosegue all’estero.

Le pubblicazioni che consentono di organizzarsi una bella gita treno + bici sono scritte da chi va in bici e che riportano oltre agli itinerari in bicicletta, anche le stazioni ferroviarie dalle quali partire e dove arrivare.

Buone pedalate con treno + bici 😉

fonte: trenitalia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.