La microsospensione EDSS2.0 sul Pinarello Dogma K10 S Disk

Pinarello ha installato nella Dogma K10 S Disk una particolare sospensione elettro-idraulica ESAS “Endurance Smart Adaptive Suspension” EDSS2.0, cioé un sistema che riconosce il tipo di terreno che stiamo affrontando. L’azienda che produce questo sistema intelligente di sospensioni adattive è la Hidro. Le sospensioni ad attivazione elettronica non sono nuove per il mondo del ciclismo, in particolare le mountain bike, basta ricordare che l’azienda americana Cannondale aveva ideato una particolare lefty, montate sulle mtb, che riconosceva il tipo di terreno.

Una micro sospensione, da 170 gr, su una Road è un pò particolare a vedersi e non solo, soprattutto per chi è alla ricerca del grammo sul peso, probabilmente preferirà acquistare una bici come Cannondale Synapse che ha un sistema di ammortizzazione con foderi SAVE.

Ma com’é costruita la sospensione EDSS2.0 montata nel K10S e quanti mm offre di ammortizzazione? Dunque il sistema ESAS di HiRide accoppia l’ammortizzatore idraulico elettro-attuato con una molla in elastomero con 11mm di escursione e regolato sulla base del peso del ciclista utilizzando elastomeri di durezza differenti.

Ovviamente questo sistema di sospensione serve per piccoli urti, ma non certo per un uso estremo in sentieri ove si trova di tutto.

La parte elettronica della sospensione è gestita da una batteria da 130gr, nascosta all’interno del telaio della bicicletta (fissata sul retro di un bullone della bottiglia d’acqua). La durata della batteria, dicono in Pinarello, è oltre 70 ore.

La connettività Bluetooth LE e ANT+ consente di interfacciarsi con l’App per ciclocomputer Garmin dedicata. Sia per controllare la sospensione che per visualizzare le proprie statistiche.

L’interfaccia del sistema eDSS 2.0 viene inserita nell’eLink, insieme ai controller per gruppi Shimano Di2.

Fonte: Pinarello / varie

Foto copertina per gentile concessione di Pinarello.

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento