[ROAD & MTB] QUALE SCARPE DA BICI SCEGLIERE, COSA COMPRARE ?

Sul mercato si trovano scarpe specifiche per la pratica del ciclismo i cui costi variano da poche decine di euro a centinaia. La differenza dei prezzi è nella tecnologia applicata e molto marketing. Sul mercato ci sono numerose marche, ognuna delle quali offre diversi modelli per la strada (a volte anche per la mountain bike).La presenza di alcuni modelli nei negozi permette di provare e scegliere la scarpa al proprio piede.

Le scarpe da ciclismo mirano a creare un buon collegamento tra il ciclista e la bici con i pedali.

L’obiettivo è quello di ritrasmettere lo sforzo fornito con la minima perdita possibile, fornendo nel contempo il comfort necessario per pedalare diverse ore.

Attenzione alla posizione di tacchette ed al tipo di bici usata, in quanto noi di ridersbike abbiamo riscontrato, ad esempio, che scarpe da MTB anche se a suola non molto grintosa, non vanno bene con pedali flat mtb montati su bici da corsa. Il problema è proprio il tipo di suola!

Bisogna fare attenzione quindi alla posizione dei punti di attacco: potrebbero non essere adatti per particolari impostazioni dello spessore (una scarpa difettosa è della Specialized modello MTB, in quanto le tacchette vanno all’interno della gommatura (suola) e necessita di applicare degli spessori, piuttosto dannosi in quanto inficiano nello sgancio/aggancio e rotazione del rotuleo). Quindi controllate la suola in base alle marche e ai modelli e come viene posizionata la tacchetta, agganciando/sganciando su un pedale da test.

La suola della scarpa è altrettanto importante quanto la tacchetta, in quanto lo spessore può inficiare sull’altezza della sella e la vostra conseguente impostazione sulla bici. Non è un caso che le scarpe da ciclismo Road hanno tutte la suola piatta. Attenzione a questo particolare in quanto abbiamo rilevato differenze di spessore di soli 5 mm al livello del fissaggio della tacchetta/suola di fascia alta.

Il pedale è un movimento circolare che non riguarda solo la pressione dei pedali durante la fase di spinta. Una buona scarpa deve quindi consentire di premere i pedali con la rigidità della suola (dove è fissata la tacchetta), ma anche senza perdita di energia attraverso la tomaia.

Una caratteristica speciale della scarpa, sono i punti di fissaggio della tacchetta.

Le scarpe da ciclismo road (bici da corsa) hanno un sistema triangolare standard a tre fori e viene utilizzato per attaccare la maggior parte delle tacchette sul mercato. Esistono modelli specifici da due a quattro fori, a secondo del tipo di pedale.

Il problema di bruciore sui piedi che avviene in particolare nei mesi estivi, è causato da quella che viene chiamata una stasi venosa : è infatti un ritorno venoso di scarsa qualità, a causa dei cattivi supporti all’interno della scarpa, a livello di suola o del piede che crea punti di pressione, a causa di cuciture errate.

Alcune scarpe sono vendute con le cosiddette solette “cleanliness” molto semplici (piatte e senza supporto), mentre altre sono più elaborate, con la possibilità di inserire un inserto di due altezze diverse per supportare l’arco, e quindi, meglio distribuire il supporto.

In caso di problemi ricorrenti, la soluzione migliore è quella di ottenere sottopiedi personalizzati da un podologo, ma non dobbiamo mai dimenticare che non esiste una regola assoluta nel campo: la priorità è innanzitutto quella di trovare una scarpa che corrisponda alla forma del piede e verificare se il sistema del serraggio è sufficiente per mantenere senza comprimere e senza causare punti di pressione.

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento