[Test] Bikun, fondello in gel

Pochi giorni fa mentre eravamo presso un negozio e, per caso, abbiamo assistito alla presentazione di un prodotto da parte di un rappresentante; da bravi giornalisti ciclisti abbiamo deciso di testarlo per capire se, effettivamente, ci sono dei risultati. 
Partiamo dal fatto che ci sono alternative, anche manuali, ma per chi ha esperienze e vuole provare diciamo che si tratta di un prodotto diverso, infatti la forma è quella di un fondello, con un gel il quale deve o dovrebbe essere lenitivo e preventivo degli arrossamenti dovuti allo sfregamento e alle sollecitazioni meccaniche della zona perineale.

Le informazioni dicono che bisogna applicarlo alle parti intime, prima o dopo la pedalata. In pratica avviene un bagno derivato(1).

Incuriositi acquistiamo il prodotto a 29 euro e seguiamo le istruzioni, quindi lo mettiamo nel congelatore per 60 minuti (c’è chi dopo la terapia lo ripone nel frizer) e poi lo inseriamo nell’apposita custodia di tessuto – vedi figura in alto, a lato destro – (90% poliestere, 10% elastane); lo applichiamo sotto le parti intime a contatto della pelle. Dove fare la terapia ? Dunque distesi è preferibile, avendo cura di essere coperti in particolare modo i piedi (indossare le calze). Poi c’è chi lo fa anche seduto…

Opinione

A primo impatto la sensazione è ghiacciata o quasi e, per chi non è abituato tende a togliersi quel fastidioso aggeggio…poi ci fa l’abitudine…e non lo toglie; la nostra impressione è un pò di sollievo per le zone perineali, ma ci sono delle accortezze da fare. La pratica dei bagni Derivativi è sconsigliata dopo il pasto o durante la fase digestiva…meglio prima di pranzo o dopo due ore! La durata del trattamento è poco più di 10/15 minuti e va addirittura seguita secondo il proprio peso.

Qual’è il risultato in una settimana ? Una sensazione di energia e vitalità. Ovviamente quando avremo ulteriori dati sui benefici che abbiamo letto un pò ovunque, vi aggiorneremo.

Le domande dei lettori

Diversi lettori hanno fatto domande del tipo:”Ho lo stesso risultato durante la doccia dopo l’allenamento, se eseguo un getto di acqua più o meno alla stessa temperatura?”. Ovviamente a logica non si può fare un confronto con il bagno derivativo.

.*.

(1) Cos’è un bagno derivato e quali benefici scientifici ci sono ?

Su internet c’è il consueto copia e incolla su un testo che, presumiamo originariamente pubblicato su un libro; la cantilena è la solita…un elenco di benefici…come si fanno i bagni derivati, ma non c’è un dato tecnico scientifico a supporto di questa pratica. I professionisti della salute con cui ci siamo confrontati sull’argomento hanno riportato casistiche di successo terapeutico nelle patologie delle basse vie urinarie come candidosi, varicocele, regolarizzazione di piccole alterazioni della pressione arteriosa o del battito cardiaco. La maggior parte dei pazienti riporta una sensazione di maggiore energia e vitalità.

Per capire meglio i bagni derivativi siamo andati a leggere le pratiche naturali della medicina cinese e riportiamo di seguito un testo ricavato da un sito web, la cui fonte è in fondo. “Il nostro corpo si approvvigiona di energia Yang dal cielo e di energia Yin dalla terra. L’energia Yin fredda e fluida proviene dalla terra; entra nel nostro corpo attraverso le palme dei piedi e risale lungo le gambe attraverso i meridiani dei reni. I reni fungono da accumulatori di energie nutritive per il nostro corpo. Sono come delle pile che quando si scaricano lasciano il corpo senza energia e predisposto a disturbi e malattie. Il mondo moderno occidentale promuove pratiche che ostacolano notevolmente la risalita di energie nutritive Yin verso i reni cosicché la maggior parte delle persone si trova squilibrato, povero di energie vitali e soggetto alle patologie cronico degenerative. Tra i fattori che ostacolano l’approvigionamento e la salita di energie Yin troviamo:

–         Cibi ricchi di zuccheri semplici e grassi
–         Ridotto o nullo contatto diretto con la terra (sempre calzature, mai piedi nudi)
–         Pantaloni stretti e/o con cavallo alto
–         L’uso (da parte delle donne) di assorbenti e salvaslip in plastica che riscaldano la zona genitale e perineale

I bagni derivativi sono per la medicina tradizionale cinese una semplice pratica riequilibratrice simile, dal punto di vista dei principi e dei risultati, ad un esercizio di Tai Ci o Qi Gong. Al contrario di questi ultimi però non richiede alcuna fase di apprendimento e può essere praticata da chiunque. La medicina cinese afferma che il periodo del giorno in cui lo Yin è più forte è quello intorno alle 10-11 pm. Possiamo quindi ottenere il massimo dei benefici facendo i nostri bagni derivativi la sera prima di coricarsi. (fonte)

.’.

Note tecniche

Al tatto il cuscinetto è di tipo anatomico, composto da un involucro in TPU da 300 micron, saldato ad alta frequenza, avente alta resistenza meccanica allo sfregamento continuo, al cui interno sono racchiusi circa 100 grammi di gel viscoso, a base di acqua distillata, cellulosa e coloranti alimentari.

.’.

Note varie

Su Internet il prodotto lo si trova anche a 24 Euro, ovviamente scontato. Qualche nostro lettore ha riferito di averlo acquistato a 19 Euro, ma bisogna stare attenti alle fregature. Attenzione a chi vende separatamente l’involucro in tessuto, poiché esso è all’interno della confezione ove c’è il fondello gel.

.’.

FORUM SUL TEMA BAGNI DERIVATIVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.