[TEST] CANNONDALE F-Si CARBON 4 – 2016

Abbiamo testato la versione base della FSI, modello 2016. Dunque il montaggio è ottimo, salvo qualche pecca come quella della guaina del freno del disco anteriore che è montata piuttosto lunga. Una seconda nota negativa è una guaina che passa quasi di lato al movimento centrale. Per la Lefty…in questo modello c’è la versione PBR…cioé quella senza il rebound, ma visto il prezzo della bici potevano montarci la versione XLR. Secondo la nostra opinione giornalistica riteniamo che il colore nero spazzolato, bello, ma delicato, anche se d’impatto visivo; poi alcuni componenti sono troppo entry level come canotto sella, manubrio e pipa; le manopole dure come un legno con poco rivestimento in gomma.

Se uno vuole cambiare canotto sella e manubrio con quelle Cannondale in carbonio, scordatevi di poterle ordinare presso il rivenditore di fiducia…bisogna armarsi di pazienza e cercare gli store ufficiali sul Web. Attenti però ai falsi!

Altrimenti ci sono le alternative….le solite aziende che ormai tutti conoscono; attenzione però: non montateci un tubo sella ed un manubrio troppo leggero….

Passiamo alla nuova forcella Lefty. Rigida quanto basta, non bobba quand’è aperta e pedalando sui pedali nei rilanci.

Però…proprio nei rilanci in salita, se uno ha le gambe lunghe, ci batte il ginocchio. Inoltre la sterzata a sinistra è limitata…

Il movimento centrale è rigido; la doppia svolge bene il suo lavoro, anche nelle salite piuttosto dure e sconnesse.

Il posteriore della bici rimbalza un pò sul ciottolato, quindi in discesa attenzione ai gioielli di famiglia, ma d’altronde è una front non una full!

Nei percorsi particolarmente tecnici, la sella telescopica, forse, potrebbe aiutare, poiché così com’é adesso, il fuori sella non è molto agevole; ovviamente si parla di un uso racing, poiché nel touring explorer, si può optare per il collarino con la levetta…anche se…sali/scendi con il canotto in carbonio…a lungo andare lo graffi…

A proposito del manubrio in carbonio Cannondale (acquistato a parte e con molta difficoltà poiché non esiste un aftermarket su codesti materiali)…si graffia con facilità…

Per la sella…ognuno ha la sua, quindi se quella montata vi sta bene tenetela…altrimenti cambiatela.

Una nota dolente è il cambio Shimano Deore, le cui leve del cambio sono dure e plasticose. Peraltro dopo pochi mesi di uso, la leva a sinistra si è rotta…e, da quanto si legge nei forum esteri, sembra essere un difetto di fabbrica…

Per il resto…una bella bici reattiva…vai su quasi tutto…gomme ottime, ben azzeccate, salvo nel fango ove senti scivolare il posteriore della bici, causa gomme poco tassellate, ma abbassando l’atmosfere si  riesce a non derapare nel posteriore.

I freni sono ben modulati, la bici diminuisce la velocità senza avere il blocco come accade con altri tipologie di freni, da noi provati.

Che dire…anche se è la 4, peserà qualche cosa in più, ma è pur sempre una gran bella bici!

.^.

cannondale_fsi_4

P.S.

Nella brochure italiana c’è un evidente errore; la Cannondale ha scritto che il frame, cioè il telaio, è un Hi-Mod – Alto modulo, ma non è vero perché è Ballistec Carbon. Va bhe, un refuso di stampa…

.^.

>> AGGIORNAMENTO AL 10 OTTOBRE 2016 <<
Dopo diversi mesi di problemi alla leva sinistra, piuttosto dura, con dolori alla falange del pollice, grazie ad alcuni bikers di un gruppo in facebook, abbiamo verificato una DIFFORMITA’ di montaggio del deragliatore. Il problema è stato comunicato alla azienda, ma non è pervenuto alcuna risposta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.