[Test] Jagwire: Cavi Pro Brake e Pro Shift 2018

La manutenzione della nostra bicicletta è primaria, dalla pulizia regolare di telaio e ingranaggi con lubrificazione delle parti necessarie, sino alla sostituzione di materiale non più funzionante, vicino alla rottura, ecc. Queste operazioni si fanno periodicamente, ma una in particolare è quella della verifica e, se necessario, sostituzione dei cavi del freno e deragliatore.

Di consueto non c’è un effettivo rischio di guasto e rottura, in quanto i cavi di oggi sono resistenti e si deteriorano più lentamente, ma vi sarete accorti che essi diventano poco modulabili (inteso per i cavi freno).

I cavi della trasmissione tendono ad essere plasticose, meno flessibile e imprecisa. Cosa fare quindi ? Bisogna valutare se continuare in queste condizioni o metter mano al portafogli e, dopo aver letto un pò di opinioni di qua e di là, andare da un bravo meccanico e farsi valutare la situazione cavi.

Nel contempo, noi di ridersbike, abbiamo avuto modo di testare due kit della nota marca Jagwire: Pro Brake per freni e Pro Shift Lightweight per la trasmissione. 

Le guaine sono disponibili in 10 colori, sia per freni o deragliatori.

Con questi kit di fascia alta, Jagwire promette un uso più flessibile grazie a cavi lucidi combinati con guaine pre-lubrificate.

I manicotti dei freni (KEB-SL) sono rinforzati con Kevlar e le guaine per i deragliatori (XEX-SL) comprendono due liner estremamente lisci per un migliore scorrimento dei cavi , annunciati come il 30% più leggeri delle guaine tradizionali.

All’interno di ogni kit, troviamo ovviamente tutto il necessario per un montaggio sulla bici: estremità dei condotti sigillati e dei cavi, rivestimenti ed altro.

Per questo test, abbiamo utilizzato una vecchia bici che aveva 320 cm di guaina per la trasmissione e 300 mm per i freni.

L’installazione non è stata difficoltosa rispetto ai kit standard. Queste guaine sono progettate con barre in acciaio molto rigide, difficili da tagliare se non si ha l’attrezzatura adatta. Attenti però a dove posizionate le vostre bici, in quanto se sfregate al muro o altro, le guaine si scalfiscono come burro.

L’utilizzo di questi cavi su un pai odi nostre bici, non ha fornito un impatto immediato di fluidità, rispetto a cavi di fascia alta come ad esempio lo Shimano Dura Ace 9000. D’altronde bisogna anche meditare sui costi di manutenzione e, quindi, se il budget è ristretto ci si arrangia e, per coloro che sono attenti alla manutenzione, probabilmente sostituiranno i cavi attuali con altri nuovi, quindi valutate cosa il mercato offre, oltre a questi cavi Jagwire.

Si ringrazia per i kit dei cavi in omaggio il rivenditore BikeTek.

Photo courtesy by JagWire

Pubblicazione contenuti. Per inviare notizie e articoli con foto e /o video, utilizzare la mail: ridersbiker@gmail.com. Per controversie sui contenuti del sito web, rivolgersi sempre al nostro consulente legale Avv. Simone Valenti di Firenze.

Lascia un commento