[Test] X-Bionic, Pantaloncino Bib Tight Short

Abbiamo provato la salopette per molte ore in bici da corsa e mountain bike. Di questo prodotto ci sono tre tipi, uno con maglia più fitta, un secondo con trama più leggera ed il terzo è di colore bianco. Fra i tre è preferibile la prima poiché il bianco si sporca facilmente, quella con trama più leggera si sfilaccia dopo alcune uscite, poi è particolarmente trasparente.

A parte quanto sopra contrariamente a quanto scrivono altre testate, il fondello provoca arrossamenti ed anche indolenzimenti alle parti intime. Bisogna stare attenti al tipo di salopette che chiediamo al negoziante, poiché esistono di due tipi: uno per le donne e l’altro per i maschi.

Le cuciture interne, dopo qualche lavaggio ed uso intenso della salopette, diventano un pò ruvide. Si consiglia quindi l’uso di creme tipo Triono per alleviare i fastidi e gli arrossamenti.

L’indossabilità è ottima, con bretelle elastiche che non lasciano il classico segno sulla spalla.

Il tessuto, al contatto del corpo, risulta piacevole e morbido.

Per quanto concerne la perfomance muscolare non abbiamo riscontrato esaltati risultati, come invece si legge altrove. Forse siamo piuttosto critici e puntigliosi, ma secondo noi le prestazioni muscolari avvengono grazie a ben altri fattori, anche psicologici.

Il colore nero nei mesi estivi porta caldo, ma questo in bici da corsa lo si nota di più. Nell’uso della MTB, invece, il calore lo si sente un pò meno.

In conclusione, come diciamo sempre, il 50% è marketing ed il resto è sostanza. Il prodotto non è alla portata di tutti perché costa molto di più di altri, ma alla fine lo si acquisterà perché risulta migliore di altri prodotti simili.

RB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.