Toscana, Chianti e dintorni su strada; il report sul giro del 6 Luglio

Chianti-ClassicoIl percorso che stamattina ho svolto è una parte iniziale simile all’evento della GF del giro della toscana, il quale si svolgerà a settembre. Si parte dal Galluzzo, poi si va verso il Ferrone arrivando sino a Greve in Chianti, per la prima tappa. Proseguire per la salita del Panzano. Dopo la piazza discesa lunga sino al bivio verso sinistra per Radda in Chianti. Si prosegue a diritto sino alle indicazioni per il paese di Radda, si attraversa e si segue la strada sino ad arrivare ad un altro bivio (a sx castellina in chianti e a dx panzano). Girare a destra e si ha inizialmente una discesa; si attraversano in sequenza Pietrafitta, Santa Maria a Grignano, Pieve di Panzano sino a Panzano. Dopo la lunga discesa si ritorna a Greve in Chianti. Da qui si sale vero il Passo del Sugame, poi discesa ed in fondo girare verso La Panca. Il percorso è immerso nel verde. La strada porta a intersecare la via chiantigiana. Prendere a destra e seguire la strada sino ad arrivare alle indicazioni per San Polo in Chianti, poi si gira a sinistra dopo alcune salite si arriva alla Capannuccia: da qui si va a Grassina e poi Firenze.

.*.

NOTA SUL PERCORSO (FONTANE)

Nel percorso ci sono poche fontane di acqua, quindi a Panzano meglio riempire la borraccia. Poi si trova in piazza a Radda in Chianti, un’altra a Castellina. In zona Greve ve ne sono diverse. Sul Passo del Sugame c’è una sorgente, ma non sempre sgorga acqua. Alla Panca c’è una fontana ove, per evitare che qualcuno beva o riempia la borraccia, hanno scritto che non è potabile (è da segnalare al comune di competenza). Sulla via chiantigiana, a Chiocchio fontana comunale al sole.

.*.

NOTA STORICA

La pieve di San Leolino si trova a Panzano in Chianti, una frazione di Greve in Chianti in provincia di Firenze, diocesi di Fiesole. La pieve di San Leolino è una basilica a tre navate scandite da pilastri quadrangolari in bozze di alberese conclusa con una scarsella ed è coperte da capriate lignee. È ricordata fin dal 982, con la denominazione di San Leolino a Flacciano, in una pergamena dell’abbazia di Passignano ma da due frammenti scultorei conservati all’interno si può ipotizzare che la chiesa abbia un’origine ancora più antica. L’attuale edificio risale al XII secolo come si può dedurre dalle caratteristiche strutturali e stilistiche. In epoca medievale la chiesa ebbe una grande importanza e da essa dipendevano 14 chiese suffraganee, tra cui quella interna al castello di Panzano. Nel 1508 il patronato della chiesa passò all’ospedale di fiorentino di Santa Maria Nuova e dal XVI secolo iniziarono i lavori di restauro e trasformazione che dettero alla chiesa l’aspetto esteriore ancora oggi visibile. (Wikipedia)

.*.

MAPPA PERCORSO

Schermata 2013-07-06 a 19.59.38

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.