USA, Salute: Casco in bici salva la vita

Indossare il caschetto protettivo quando si esce in bicicletta puo’ ridurre il pericolo di un trauma cranico nel caso di un’incidente o di una caduta e salvare la vita al ciclista. Sopratuttto se giovanissmo. 
E’ quanto ha documentato un report pubblicato dal National Bureau of Economic Research (Nber), che ha analizzato e implementato studi precedenti sul numero e le conseguenze degli incidenti sulle due ruote. Ebbene negli Usa, dove il ciclismo e’ uno degli sport piu’ popolari (nel 2010 si registravano 40 mln di ciclisti, il 37% tra i 7 e i 17 anni) indossare il caschetto omologato quando si esce in bici puo’ ridurre del 19% il rischio di decessi.

Una dato in crescita, visto che nel 2004 si era fermi al 15%.
E conseguenza anche della decisone presa nel 1987 in 21 stati in circa un centinaio di citta’ di implementare l’obbligo del casco destinato soprattutto ai bambini di diverse fasce d’eta’.
Proprio per questo ‘giro di vite’ si e’ notata negli anni una riduzione degli accessi ai pronto soccorso per traumi o lesioni al cranio.

I ricercatori dell’Nber hanno pero’ messo in evidenza un fenomeno legato in parte alla diminuzione del numero degli infortuni complessivi tra i giovani. Ovvero che in molti casi indossare l’elmetto protettivo induce un certo grado di sicurezza che porta il giovane ad essere piu’ aggressivo sulla strada, spesso non curandosi dei pericoli.

Un fenomeno molto diffuso tra chi va in skateborad o sui pattini portando un caschetto. Ma che si sta espandendo anche tra chi va in bicicletta.

(ADUC – Fi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.