[TEST] X-Bionic, il nostro test su tre prodotti

Abbiamo avuto modo di testare tre prodotti della azienda X-Bionic; si tratta di: bondear cap, energizer MK2 e le X-Socks mtb short winter bike. Il test è avvenuto utilizzando una mtb e percorrendo strade innevate con temperatura a meno 1,3 gradi.

Partiamo con l’Energizer MK2; la maglia si adatta ad ogni misura, senza che stringa o scivoli. La misura S/M ha le maniche un pò corte per chi è alto 1.70/72. L’umidità, prima che venga avvertita dalla cute, evapora mediante la dinamica del calore.
Quindi sulla pelle resta una pellicola umida non avvertibile che rinfresca.

Questa sensazione di fresco, a temperature molto fredde, come testato da noi in mtb (-1,3°) può essere fastidiosa, in quanto abituati a sentire il calore, ma avere anche il sudore che si ghiaccia.

In qualsiasi caso la classica sensazione dei brividi di freddo, con questo particolare capo tecnico, non avviene. Il costo è di 99 Euro.

Il bonder cap è un copricapo molto particolare, come d’altronde gli altri due, poiché fino a che il corpo suda necessita di raffredamento costante, indipendentemente dalla temperatura esterna, per essere sempre prestante. Questo copricapo lascia una pellicola di sudore sulla fronte che dovrebbe assicurare un’ottimale climatizzazione ottenuta dall’evaporazione. In effetti il problema del sudore in eccesso non c’è in quanto viene catturato e indirizzato verso l’esterno e poi evapora. L’isolamento c’è ed evita il raffreddamento. Abbiamo testato il bonder cap anche sotto la pioggia e possiamo affermare che è un ottimo copricapo, in quanto l’acqua viene trattenuta ed il sudore non raffredda la testa. Ovviamente non è adatto a rimanere per molto tempo sotto una pioggia molto forte. Il costo è di 45 Euro.

 

Quando si compra un paio di calze, come altri capi d’abbigliamento, quello che è importante non sono ciò che scrivono sulle loro confezioni, ma le impressioni di chi possiede già il prodotto. Le calze X-SOCKS Winter Bike erano osannate in un forum come le migliori, mentre in uno altro c’era chi preferiva un tipo di una altra marca. Noi, scettici di natura, abbiamo deciso di comprarne un paio per capire chi aveva ragione o torto. Ebbene il sistema a canale d’aria trasversale arieggia la suola, indirizzando il sudore e l’aria surriscaldata fuori dalla scarpa creando un clima ottimale, intorno ai piedi. Per chi è abituato a calze in lana merinos che riscaldano, in questo caso abbiamo la stessa sensazione degli altri due capi già sopra descritti: la frescura. Dunque, per chi utilizza la bici da strada consigliamo di vestire la scarpa con una protezione esterna in Gore, per chi ha scarpe chiuse le calze vanno molto bene. Il costo è di 20 Euro.

 

Nota

Sono prodotti tecnologici interessati, anche se costosi. La sensazione di sudore ghiacciato e brividi di freddo non c’è. La maglia Energizer MK2 è più adatta ad un clima non molto rigido, altrimenti è preferibile la versione Accumulator.

*Testeremo anche gli altri tre capi (Accumulator, Accumulator Extra Warm, Radiactor), e poi vi faremo sapere la nostra opinione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This blog is kept spam free by WP-SpamFree.